+39  3929180063 info@garediappalto.net

La Gara d’appalto è lo strumento con cui le Pubbliche Amministrazioni acquistano beni e servizi e possono individuare l’operatore più idoneo alla fornitura. L’individuazione del soggetto o dei soggetti affidatari avviene attraverso la pubblicazione di un bando di gara cui le imprese risponderanno. E’ compito dell’Ente appaltante stabilire il prezzo. E’ questo il parametro che indicherà chi dovrà eseguire il lavoro o fornire il bene/servizio: l’Ente affiderà a chi fornirà il miglior rapporto qualità/prezzo.

Ma come partecipare ad una gara d’appalto?

Chiunque voglia parteciparvi, deve consultare il Bando di gara che la pubblica Amministrazione ha pubblicato; la pubblicazione avviene con l’affissione del bando all’Albo pretorio dell’Ente e, con le nuove norme, viene pubblicato sul sito dell’Ente, oltre ad essere obbligatoria la pubblicazione su almeno tre giornali a tiratura nazionale.

Fin qui la legge; inoltre molti sono i siti in rete che forniscono informazioni sui bandi di gara attivi su tutto il territorio nazionale. Individuato il Bando di gara che interessa, verificare che sia possibile la partecipazione, avendo tutti i requisiti richiesti: il bando di gara è considerato “lex specialis”, vale a dire che tutto quanto è richiesto deve essere soddisfatto, pena l’esclusione.

Verificato ciò, vanno adeguatamente compilati i moduli che sono allegati al bando, quali le autpdichiarazioni di idoneità tecnica e finanziaria, le dichiarazioni di regolarità contributiva (DURC) e , ove serva, dichiarazione di possesso SOA e certificazioni di Qualità; redigere l’offerta economica

Cosa non bisogna fare quando si presenta una gara d’appalto

Presentare correttamente una gara d’appalto potrebbe essere meno semplice di quanto sembri. Il Nuovo Codice degli appalti è pieno di insidie, per cui sarà meglio fare alcune precisazioni.

1. Leggere attentamente tutti i documenti del bando di gara

Sembra una cosa ovvia, ma non sempre accade. Spesso chi prepara le gare si limita alla lettura attenta solo del disciplinare di gara. Potrebbe essere un errore fatale; non è raro che alcune prescrizioni per l’offerta non siano riportate nel disciplinare, ma in altri documenti del bando. Così come è necessario leggere il capitolato (laddove è presente) per evitare errori di valutazione sull’offerta economica. Ogni piccola postilla, in un bando di gara, è fondamentale ed è fondamentale che venga eseguita alla lettera.

2. La modulistica da impiegare deve essere quella allegata al Bando

Se la stazione appaltante ha predisposto dei modelli da compilare per le varie dichiarazioni, NON SI DEVE assolutamente derogare da essi, salvo diversa indicazione dell’amministrazione stessa. Qualunque sia il motivo per cui si valuti la possibilità di sostituirli con modelli equivalenti, non va fatto. L’Amministrazione appaltante valutala rispondenza sulla base dei propri modelli, in sede di apertura dei documenti amministrativi e può escludere dalla gara, nel caso in cui si incorra nell’errore di dimenticare qualcosa

3. Le dichiarazioni vanno corredate di documento di riconoscimento

Le dichiarazioni rese sono a tutti gli effetti degli atti notori e pertanto vanno SEMPRE corredati da un documento di riconoscimento del dichiarante (DPR 28/12/2000 n. 445). E per dichiarante si intende, non solo il legale rappresentante che partecipa alla gara, bensì ogni singolo soggetto richiesto dalla documentazione allegata La mancanza di anche un solo documento può essere pena di esclusione.

4. Le dichiarazioni rese vanno rilette

Quando si termina la redazione di ogni singola dichiarazione/documento, bisogna rileggere attentamente tutto ciò che si è scritto. Non sono rari errori di scrittura (es. il Codice Fiscale, o una data di nascita etc.) o di localizzazione (un dato scritto in un campo diverso da quello assegnato). L’attenzione nel preparare molti documentipuò venir meno. Ecco perché è necessaria una rilettura accurata, magari dopo un tempo di rilassamento (basta anche mezz’ora).

5. Pagamento del contributo all’Anac

Il Nuovo Codice degli Appaltiprevede il pagamento di un contributo all’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione). L’importo del contributo varia a seconda dell’importo di gara, sempre che sia pari o superiore a € 150.000,00. Se l’importo di gara è inferiore, il pagamento non è dovuto. Il contributo va versato anche se il Bando di gara non richiede la ricevuta di conferma tra i documenti di gara. Pena esclusione dalla gara.

6. Avvalimento: specificare sempre le risorse dell’impresa che avvale

Se si deve ricorrere all’avvalimento, per mancanza di uno o più requisiti richiesti dal bando, è necessario che tali requisiti siano e ben specificat La Ditta ausiliaria deve essere garanzia per l’Ente, poiché dovrà mettere a disposizione della Ditta partecipante specifiche risorse.

7. Specifica delle prestazioni di ogni componente del r.t.i.

Qualora più Ditte partecipassero alla gara come Raggruppamento Temporaneo d’Impresa, nell’offerta va indicata specificatamente quale sarà la mansione di ognuna delle Ditte. L’indicazione della parte dei lavori che verrà svolta da ognuno dei componenti deve essere ben chiara e distinta. Inoltre bisogna compilare la documentazione richiesta nel bando per ogni impresa coinvolta.

8. Progetto tecnico: perfettamente conforme alle indicazioni del bando

Qualora il bando di gara prevedesse la presentazione di un progetto tecnico, esso va presentato nelle modalità precise espresse nel bando di gara. L’eventuale indice presente nel bando per la redazione degli elaborati tecnici e della relazione deve essere rispettato, indipendentemente dalla voluminosità del plico. Una difformità dell’indice di presentazione va evitata poiché la stazione appaltante valuterà il punteggio da assegnare seguendo quella programmazione.

9. L’offerta economica

Nell’offerta economica propriamente detta va indicato l’importo ribassato o l percentuale di ribasso rispetto all’importo a base d’asta e per le tipologie di bandi che lo richiedono anche il n costo della manodopera e degli oneri della sicurezza aziendale.

10. Il plico di gara deve essere sigillato e siglato e deve contenere tutte le informazioni per individuare la Ditta partecipante

Il plico con tutta la documentazione, l’offerta economica e l’eventuale offerta tecnica, va presentato perfettamente sigillato, ad evitare manomissioni. Sul frontespizio vanno indicate tutte le informazioni che servono ad individuare la Ditta partecipante, nonché ben chiara l’indicazione della gara d’appalto cui si riferisce. Pena l’esclusione.

SEI INTERESSATO A UNA STRATEGIA PER LA TUA AZIENDA?