+39  3929180063 info@garediappalto.net

Nel nostro Paese, in linea con le norme comunitarie, molte sono le Pubbliche amministrazioni che a livello locale e centrale utilizzano il mercato degli appalti online. Moltissime sono anche grandi aziende private che stanno seguendo la stessa strada per l’approvviggionamento di beni e servizi.

Per rendersi conto della portata dell’incremento di questo processo, basti pensare al mercato elettronico di Consip che è diventato obbligatorio per le PA che necessitano di  forniture, con importi pari o superiori alle soglie stabilite dalla normativa vigente. Tra i mercati elettronici sono senza dubbio da tenere in considerazione i sistemi e-procurement quali Poste italiane e  Ferrero. Insomma il Mercato elettronico si sta diffondendo a macchia d’olio in Italia, come era già successo negli altri Paesi dell’Unione Europea.

Centrali di committenza e portali di eProcurement in Italia

Consip  è la centrale acquisti pubblica a livello nazionale, ma non è certamente l’unica. Molte Regioni ed Enti pubblici o parastatali hanno provveduto a sviluppare delle piattaforme telematiche,  idonee per soddisfare le proprie esigenze. Grandi aziende pubbliche come Enel, Eni, FS hanno implementato le loro piattaforme; ma anche colossi privati come Unicredit, Wind,  Q8 hanno seguito la stessa strada degli acquisti online.  È possibile iscriversi a tutti i portali di proprio interesse, sempre nel rispetto dei requisiti richesti e della Normativa.

Convenienza dell’utilizzo di piattaforme e-procurement

 L’utilizzo di tali strumenti semplifica molto la gestione degli appalti, portando con sé una serie di benefici.

 1) MAGGIORE ACCESSIBILITA’ E TRASPARENZA. Le informazioni relative alle gare di appalto sono centralizzate e automatizzate, il che vuol dire che vi è una maggiore fruibilità da parte delle imprese. Esse possono accedervi facilmente ed essendo le procedure più snelle il principio della competitività ne risulta privilegiato. La distanza non è più un ostacolo: i processi telematici hanno annullato completamente l’inconveniente.

 2) BENEFICI DI RIDUZIONE DEI COSTI. Una procedura telematica, rispetto alla tradizionale gara cartacea, ha abbattuto i costi e i tempi per le Pubbliche Amministrazioni e per le Aziende Private. Anche la percentuale di errori è diminuita: telematicamente non si possono inserire, ad esempio, più volte gli stessi dati, poichè la procedura non lo consente; non è possibile inserire dati in uno step di gara che non li prevede. Etc.

 3) BENEFICI DI TIPO AMBIENTALE. Utilizzando piattaforme on line ovviamente il consumo di carta è notevolmente abbattuto, il che significa meno costi di trasporto e di energia : basti pensare a quanta carta viene consumata quando una gara comincia con un bando di preinformazione, per proseguire con l’appalto e poi l’aggiudicazione, senza contare i fascicoli da redarre se vi sono allegati di progetto tecnico. Insomma si giunge, quindi, all’”appalto sostenibile”.

 4) RIDUZIONE DELLA CORRUZIONE. La procedura telematica prevede un intervento umano molto ridotto, e dove l’intervento umano è ridotto si riduce di conseguenza anche il pericolo di corruzione. Non è possibile corrompere un computer. Ovviamente non si è abbattuta completamente questa piaga , ma sicuramente tale innovazione risulta una strada giusta per ridurla drasticamente.

SEI INTERESSATO A UNA STRATEGIA PER LA TUA AZIENDA?